In caso di tamponamento a catena di veicoli in coda e fermi è responsabile solo il conducente dell’ultima vettura.

È quanto sancito dalla Corte di Cassazione che con l’ordinanza n. 15788 del 15.06.18 ha accolto il ricorso di due automobilisti contro la compagnia di assicurazione.

Sia davanti al Giudice di Pace, che in sede di appello davanti al Tribunale, i ricorrenti si erano visti rigettare la loro richiesta di riconoscere quale unico responsabile del tamponamento in cui erano rimasti coinvolti il conducente dell’ultima vettura.

I giudici di primo e secondo grado, infatti, ritenevano che dovesse applicarsi l’art. 2054 cod. civ. che presume la colpa in egual misura di entrambi i conducenti di ciascuna coppia di veicoli.

La Cassazione, invece, ha invece chiarito come l’art. 2054 secondo comma c.c. trovi applicazione in caso di tamponamento a catena tra veicoli in movimento, con conseguente presunzione di colpa in egual misura fra i conducenti per non aver rispettato la distanza di sicurezza rispetto al veicolo antistante. Nel caso, invece, di veicoli fermi, precisa la Corte, l’unico responsabile delle collisioni è il conducente che le ha determinate, tamponando da ultimo i veicoli incolonnati.

(12.07.18)

Lascia un commento